Celiachia a Tavola: Cosa Non Mangiare?

Chi è affetto da celiachia, disturbo che si manifesta con un’intolleranza al glutine, è costretto a seguire determinate regole a tavola.

Quali comportamenti evitare e quali promuovere, al fine di tenere sotto controllo questa intolleranza alimentare?

Qui trovi quelli che chiamiamo i 10 comandamenti di un celiaco a tavola:

Evitare cibi contenenti glutine

Celiachia a Tavola: Cosa Non Mangiare?

Non tutti sanno quali sono gli alimenti in cui è presente glutine.

Per chi non lo sapesse, il glutine,  è una componente proteica rintracciabile nel frumento, ovvero quello che più comunemente chiamiamo “grano” e in altri cereali come:

  • segale, 
  • orzo, 
  • farro,
  •  kamut, 
  • avena, 
  • bulgur, 
  • triticale, 
  • spelta, 
  • greunkern, 
  • malto
  • seitan.

Evitando di nutrirsi di questi cereali, i celiaci possono condurre una vita in salute, senza andare incontro a problematiche di diverso tipo.

Solo con una dieta priva di glutine, infatti, è possibile garantirsi una forma perfetta, esente da disturbi.

Sapere a cosa si va incontro quando si mangiano cibi contenenti glutine

“Conosci il tuo nemico”, una massima da prendere in considerazione anche quando si parla di intolleranza al glutine. Il nemico in questo caso ovviamente è la celiachia.

Cosa succede dunque ingerendo glutine?

Quando un celiaco ingerisce alimenti contenenti il suddetto elemento, va ad attivare il sistema immunitario in modo anomalo, che cerca di difendersi rifiutandolo, finendo col il danneggiare l’intestino.

Le mucose dell’intestino si compongono di una moltitudine di villi, strutture allungate che formando delle ansie vanno a creare una conformazione intestinale in grado di consentire l’assorbimento delle sostanze nutritive.

Nei celiaci la reazione della mucosa intestinale va ad appiattire queste anse, causando il malassorbimento dei nutrienti fondamentali (vitamine, ferro e altri minerali, proteine, grassi, zuccheri e così via).

Conoscere i sintomi della malattia per comprendere se sono stati scatenati da alimenti contenenti glutine

Solo conoscendo i segnali inviati da questo disturbo, è possibile venire a conoscenza del proprio status di celiaco in maniera più o meno immediata.

Quali sono i sintomi della celiachia?

  • Perdita di peso rapida;
  • Mancato aumento di peso (negli infanti);
  • Anemia;
  • Stanchezza
  • Diarrea;
  • Dolori addominali;
  • Ulcere alla bocca;
  • Intolleranza al lattosio (associata al deterioramente dell’intestino);
  • Alterazione della funzionalità epatica;
  • Diabete mellito di tipo 1.

Evitare di contaminare i cibi gluten-free a causa della presenza di quelli con glutine

Per evitare la comparsa dei sintomi su elencati, i celiaci devono stare attenti a non mischiare cibi contenenti glutine a quelli “gluten-free”.

Mai preparare dunque, contemporaneamente, piatti con glutine e senza glutine, visto che briciole, farine e residui vari potrebbero venire accidentalmente a contatto.

Persino il pane gluten-free non dovrebbe essere tagliato sullo stesso tagliere o con lo stesso coltello con cui si è soliti tagliare il pane “tradizionale”.

Igienizzare con cura i piani di appoggio per preparare le proprie ricette gluten free

Pulizia e glutine alla lontana. Carne, pesce verdure e tutti gli alimenti senza glutine, come già detto in precedenza, dovrebbero disporre di un ambiente igienizzato ed esente da glutine, in modo da evitare contaminazioni.

Dividere l’olio per le fritture

Mai utilizzare lo stesso olio per friggere alimenti con e senza glutine.

Lavare sempre le mani

L’igiene è fondamentale per difendersi dalla celiachia, visto che, a meno che una famiglia non sia formata da soli celiaci, è veramente facile venire a contatto con il glutine. Per tale ragione sarebbe sempre bene lavarsi le mani in maniera frequente.

Cuocere la pasta gluten-free in pentole ad hoc o comunque igienizzate a dovere

Superfluo ripetere che la pulizia e la mancata contaminazione è indispensabile per prevenire i sintomi della celiachia.

Acquistare prodotti gluten-free certificati

Solo acquistando prodotti certificati, magari consultandosi con altri celiaci, oltre che con il proprio medico di famiglia, sarà possibile evitare i prodotti contenenti glutine.

Ad ogni modo, qualora non ci si rifornisca in farmacia specializzate e si opti per il supermercato, è fondamentale controllare che sulla confezione del prodotto scelto si trovi la scritta “senza glutine” AIC (Associazione italiana celiachia).

Informare gli altri commensali del proprio disturbo

Mai vergognarsi della propria condizione di celiaco, dato che imbarazzo e pudore in tal senso potrebbero causare un bel po’ di problemi di salute.

E’ fondamentale informare tutti i commensali e soprattutto il proprietario di casa o il ristoratore di turno, qualora si sia ospiti da qualche amico o a pranzo – cena fuori.

 

Commenta il post